Relazione simbiotica tra megattere e uccelli marini Presentazione Recap

Nella nostra ultima conferenza invernale/primaverile 2013 all’Orleans Yacht Club, Peter Trull ha parlato di 300x225 “La relazione simbiotica tra megattere e uccelli marini”. Trull si occupa di istruzione e ricerca da circa 35 anni. Alcuni lavori notevoli includono: coordinare il programma di monitoraggio degli uccelli marini costieri della Audubon Society; condurre viaggi di ricerca in Guyana per studiare varie specie di sterne, pivieri, e piro-piro; servire come il direttore dell ” istruzione sia al Museo di Storia Naturale di Cape Cod e il Centro Provincetown per gli studi costieri; insegnamento settimo grado scienza presso la Cape Cod Lighthouse Charter School e autore 5 libri su una varietà di argomenti legati alla natura.

Trull ha iniziato il suo discorso un po ‘ scherzosamente, con la richiesta di tutti i suoi ascoltatori di “Andare a est, più di te”. Il punto di Trull era che anche se viviamo in uno dei punti più orientali degli Stati Uniti, c’è molto di più da vedere e apprezzare appena oltre la costa del nostro Cape Cod.

Prima di spiegare la natura specifica della loro relazione simbiotica con gli uccelli marini, Trull ha contribuito a darci una migliore comprensione delle megattere. Nella loro classificazione animale, sono dell’ordine Cetacea, sottordine Mysticeti. Questo sottordine contiene tutte le balene fanoni, il suffisso” – ceti “nel loro nome sottordine che si riferisce alle balene, e il prefisso” mysti – ” che significa baffi, riferendosi all’aspetto del fanoni che i primi pescatori vedevano come simile a quello di un baffo umano.

Queste balene trascorrono le estati nelle acque più fresche vicino al Capo e gli inverni nelle zone più tropicali. Un altro fatto interessante fornito da Trull è che queste balene, essendo mammiferi con polmoni simili ai nostri, sono diverse dagli umani in quanto sono respiratori volontari. Ciò significa che devono mettere uno sforzo cosciente nella respirazione, mentre gli esseri umani generalmente respirano “automaticamente”. . Se sei mai stato in un viaggio di avvistamento di balene e hai visto una breccia di balene e hai visto lo spray scoppiare dalla cima della sua testa, hai visto una balena respirare. È anche interessante notare che utilizzano più della loro capacità polmonare su ogni respiro di noi, riempiendo i loro polmoni fino a ~80% di capacità, rispetto agli esseri umani che in genere utilizzano solo ~15% di capacità su un dato respiro.

Le megattere si nutrono principalmente di anguille di sabbia (conosciute anche come sandlances), questa fonte di cibo è ciò che porta alla loro interessante relazione con gli uccelli marini.

Per illustrare meglio questa relazione, Trull ha delineato i tre tipi di simbiosi: mutualismo, commensalismo e parassitismo. Se si pensa di mutualismo come reciprocamente vantaggioso, e parassitismo come uno beneficiando a costo del benessere degli altri, commensalismo cade proprio nel mezzo. Il commensalismo è un tipo di relazione simbiotica in cui una specie beneficerà pur non influenzando le altre specie in modo positivo o negativo. La relazione tra megattere e uccelli marini è un eccellente esempio di commensalismo.

Le megattere consumano fino a 1 tonnellata di anguille al giorno. Il modo principale in cui queste balene si nutrono è noto come “bubble feeding”: le balene usano i loro soffioni per inviare queste enormi bolle d’aria fino alla superficie dell’acqua, costringendo qualsiasi anguilla in quella zona diretta verso l’alto.. Quando un grande branco di questi pesci si trova vicino alla superficie dell’acqua, le balene si alzeranno con la bocca agape e ne prenderanno a boccate. Questo metodo è particolarmente efficace per le balene a consumare il cibo di cui hanno bisogno per sopravvivere, ma avvantaggia anche altre specie.

Più vicino alla riva, gabbiani come aringhe o gabbiani che ridono approfitteranno di questi grandi banchi di pesci convenientemente situati proprio in superficie a causa del comportamento della balena. Più lontano in mare, tuttavia, altri uccelli potranno anche entrare nella frenesia alimentare. Il termine uccello marino si riferisce agli uccelli che in realtà non vediamo sul Capo, perché in genere nidificano su isole molto distanti da noi,e quando sono nelle acque che circondano Cape Cod, non hanno motivo di venire a terra. Questi uccelli sono così perfettamente adattati alle condizioni degli oceani, compresa la capacità di ottenere tutto il cibo di cui hanno bisogno, che trascorrono tutto il loro tempo in mare. Esempi comuni di questi uccelli pelagici includono: grandi berte, berte fuligginose e berte di Cory. Le grandi berte nidificano molto a sud sulle isole al largo delle coste meridionali del Sud America e dell’Africa, e trascorrono le estati nelle acque intorno al Capo. Come ha notato Trull in riferimento alla loro migrazione, “questi uccelli vedono più posti in un anno e mezzo di quanto la maggior parte degli esseri umani veda in una vita”.

Tutti questi uccelli, i gabbiani e le berte, saranno spesso visti ogni volta che gruppi di balene si nutrono, semplicemente approfittando del fatto che la tecnica di alimentazione delle balene fornisce una tale abbondanza del loro cibo preferito. Sugli orologi delle balene, come quelli della Flotta dei delfini di Provincetown, è un evento comune vedere grandi stormi di questi uccelli contemporaneamente, nella stessa zona, alle balene che sono gli obiettivi delle escursioni.

Trull ha concluso il suo discorso con alcune parole prudenti ma anche di incoraggiamento, sul tema del whale watching. Con così tante persone che hanno barche qui a Cape Cod, non è raro che le persone cerchino di entrare nell’azione che gli osservatori di balene stanno vedendo, ma queste barche più piccole possono causare gravi danni alle balene. Dopo aver mostrato foto grafiche di balene ferite, ha sottolineato che se gli individui stanno tentando di vedere le balene dalle proprie barche, una volta a mezzo miglio da una barca di avvistamento delle balene o dopo aver visto le balene, dovrebbero spegnere i motori. Con le balene che spesso si nutrono in superficie, le eliche dei motori possono rappresentare una minaccia per il benessere delle balene.

In questa nota, però, ha incoraggiato le persone a venire a Dolphin Fleet whale watches, per ottenere il massimo da un’escursione con un equipaggio adeguatamente addestrato e guide istruite al fine di renderlo un viaggio sicuro e educativo. Ha suggerito di chiamare in anticipo, per vedere se è una buona giornata per gli avvistamenti, e anche per determinare i tipi di balene avvistate. Se la flotta ti dice che stanno vedendo le balene Minke e Finback, l’avvistamento di una megattera è improbabile.

Come suggerito da Trull, ” Vai ad est!”

Pietro Trull Presentare

Pietro Trull Presentare

Pietro Trull Presentare

Ridere Gabbiani afferrando anguille di sabbia scivolando dalle Megattere bocca

anguille di Sabbia intrappolato nel Megattere fanoni

Ridere Gabbiani reciprocamente beneficio dalle balene alimentazione

Megattera violazione

Uccelli adaptative beek per rimuovere il sale dal loro corpo

Megattera si nutrono di Krill

le Megattere che soffia bolle di forza di anguille di sabbia in una particolare direzione

le Megattere naso

Le megattere exhailing

le Megattere fanoni, che è stato spesso indicato con primi marinai come un paio di baffi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.