L’hip-hop piange Kobe Bryant-un’icona nei testi rap per decenni

Mentre l’improvvisa morte di Kobe Bryant domenica ha scosso il mondo dello sport e dell’intrattenimento al loro centro, Kanye West ha ospitato un servizio domenicale post-Grammy di mezzanotte a Burbank, in California, dove la star dell’hip-hop ha onorato la leggenda NBA con

“Quando stavo tornando a casa, stavano appuntando la tua maglia sull’autostrada e mi sono appena rotto”, West freestyled durante il servizio. “Kobe è troppo lontano. Spara da dove sei. Ricorda che sei una star. Devi fare di più, devi andare forte. Se Kobe fosse qui, forse prenderebbe il microfono. Se Kobe era qui tonight lui qui stasera”, ha aggiunto.

La performance emotiva dell’artista hip-hop è stata l’ultima aggiunta a un archivio composto da centinaia di testi hip-hop negli ultimi due decenni che hanno salutato la leggenda del basket, dove il suo nome è spesso usato come una similitudine per la grandezza.

L’icona di 41 anni era tra le nove persone che sono morte in un incidente di elicottero nel ricco quartiere residenziale della California meridionale di Calabasas domenica. Sua figlia di 13 anni, Gianna, morì insieme a suo padre.

I video della performance del primo lunedì sono stati pubblicati da coloro che erano presenti, tra cui la moglie di West, Kim Kardashian West.

Da magnati dell’hip-hop come Jay-Z e Diddy, a star come Drake e Kendrick Lamar, il cinque volte campione NBA è stato nominato in centinaia di versi nel corso degli anni come simbolo di grinta, grandezza e lo status trionfale di un baller che sfida ogni probabilità.

Lamar ha reso famoso omaggio alla stella del basket al suo ritiro nel 2016 in “Kobe Bryant: Fade to Black”, dove riflette sull’eredità di Bryant e su ciò che significava per Los Angeles. E nel 2017, il rapper Compton si è seduto con Bryant per un’intervista con la rivista Complex, dove i due hanno riflettuto su cosa significhi la grandezza per loro.

Bryant ha detto che le persone a volte dimenticano tutte le difficoltà che devono essere superate, aggiungendo che “c’è una certa testardaggine che viene con l’essere grandi.”

” È la curiosità di esso. La paura, l’ansia. È la curiosità di sapere, dannazione, che posso superare questo”, ha detto Lamar nell’intervista. “E quando lo fai e un altro si avvicina, voglio sfidare anche questo. Questa è la vera grandezza.”

La frase” Ballin’ like Kobe ” da sola è stata scritta in canzoni da decine di artisti, tra cui West, Lil Uzi Vert, G Herbo, Juice WRLD, Rae Sremmurd, Meek Mill e Gucci Mane.

Molti altri esempi illustrano la vasta gamma di shoutout che l’auto-soprannominato “Black Mamba” ha ottenuto dalle star dell’hip-hop nel corso degli anni:

Nel brano del 2012 di Chief Keef intitolato “Kobe”, dall’album del rapper, “Finally Rich”, l’artista di Chicago celebra il suo successo nel gioco rap: “Sono stato così dannatamente duro, giuro che penso di essere Kobe (swish).”

Allo stesso modo, nella sua traccia del 2014,” Young Kobe”, il rapper Compton Tyga traccia paralleli con Bryant per vantarsi del suo status di baller: “Sono re a Los Angeles, Young Kobe.”

L’artista di Atlanta Young Thug saluta la perseveranza di Bryant nella canzone del 2015, “Check,” rapping, ” Prometto che non smetterò mai, b – – – -, sono Kobe.”

E nel suo album di debutto nel 2011, il rapper della Carolina del Nord J. Cole dà a Bryant un grido nella canzone “Cole World”: “I ball, I ball, like Kobe in the fall/ Put trophies on wall, rather trophies on my mantle.”

Nella sua traccia del 2009, “Kobe Bryant”, Lil Wayne rappa sul voler essere il “migliore” nel gioco rap e dedica la canzone al suo giocatore preferito.

“Voglio essere il migliore, semplice e semplice/ Ecco perché gioco/ E per essere il migliore che devi vincere/ E questo è ciò che mi spinge”, rappa prima di presentare l’audio del commentatore sportivo Stephen A. Smith che saluta Bryant come” il miglior giocatore del gioco “e il” giocatore di basket più completo.”

In un’intervista del 2015 con Los Angeles. Settimanale, il rapper della Louisiana ha riflettuto su come i Lakers sono diventati la sua squadra preferita quando Bryant ” è entrato in campionato direttamente dal liceo, “e quando gli è stato chiesto circa il legame tra rapper e atleti, ha detto che è” gioventù.”

” Nove volte su 10, entrambi realizziamo grandi cose in giovane età. Sono giovani. Siamo giovani”, ha aggiunto.

Bryant fece anche una breve incursione nell’hip-hop come artista nel 1999, firmando con la Sony Records per pubblicare il suo unico album solista, “K. O. B. E” e il singolo omonimo che debuttò all’All-Star Game del 2000 con la top model Tyra Banks.

Wayne, che non è un tweeter prolifico, ha condiviso un semplice messaggio domenica dopo aver appreso della morte di Bryant: “Abbiamo perso un re. 824.”

“824” è un riferimento al Kobe Bryant Day nella città di Los Angeles, che è il ago. 24 ed è stato annunciato in 2016 dopo che la stella dei Lakers si è ritirata.

La data rappresenta “8” e “24” the i due numeri di maglia che Bryant ha indossato durante la sua carriera con i Lakers.

Da Rapsody a 50 Cent, gli omaggi a Bryant sono arrivati da tutti gli angoli del mondo hip-hop dopo la sua morte, inclusi artisti che hanno espresso ammirazione per Bryant nei loro testi nel corso degli anni.

Nella canzone del 2016 di ScHoolboy Q, “That Part”, West dà uno shoutout a Bryant, rappando, “Walkin’, livin’ legend, man I feel like Kobe (Kobe).”

Dopo aver appreso della morte di Bryant, West ha twittato una foto con Bryant e un messaggio accorato: “Kobe, Ti amiamo fratello Stiamo pregando per la tua famiglia e apprezziamo la vita che hai vissuto e tutta l’ispirazione che hai dato.”

2 Chainz, che ha chiamato drops Bryant nella canzone del 2012″ Money Machine”, ha condiviso diversi omaggi all’icona su Instagram e una foto di se stesso con Bryant e sua figlia Gianna.

“Cuore spezzato e senza parole”, ha scritto. “Se mi conosci sai che questo mi uccide in questo momento Riposa in pace Bean e Gigi Bryant e preghiere a Vanessa e alla famiglia Bryant e al resto delle famiglie coinvolte.”

Drake, che si è scusato con Bryant e sua moglie, Vanessa, per aver fatto riferimento al loro divorzio annullato in seguito nella canzone di Rick Ross del 2012,” Stay Schemin”, ha dato a Bryant un grido nella canzone del 2016,” Views, “rapping,” Now me and Kobe doin’ shots the night before the game.”

Drake ha anche indossato una giacca di pelle personalizzata” Farewell Mamba ” per rendere omaggio alla stella NBA allo Staples Center durante il suo ultimo All-Star Game a febbraio. 14, 2016.

Tra le notizie della morte di Bryant, Drake ha condiviso una foto di se stesso che indossa la giacca su Instagram e ha semplicemente scritto: “non può essere.”

Alcune delle più grandi star della musica hanno reso omaggio a Bryant durante i Grammy di domenica, riconoscendo il suo impatto culturale oltre lo sport.

La notte più grande della musica si è tenuta allo Staples Center di Los Angeles-la casa dei Los Angeles Lakers-dove per 20 anni, Bryant ha battuto record, ispirato milioni di persone ed è diventato un’icona culturale in America e all’estero, prima di ritirarsi nel 2016.

“Oggi, Los Angeles, America e tutto il mondo hanno perso un eroe. E siamo letteralmente qui, con il cuore spezzato, nella casa che Kobe Bryant ha costruito”, ha detto Alicia Keys, ospite dei Grammy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.