Lesioni alle mani e alle dita / Riassunti dei casi di risarcimento dei lavoratori

Mano & Lesioni alle dita

Un uomo di 55 anni ha ferito entrambe le mani e le braccia mentre svolgeva mansioni ripetitive nel suo luogo di lavoro. Il trattamento medico iniziale del nostro cliente consisteva in due iniezioni di cortisone. Fu quindi indirizzato a un ortopedico. Gli è stata diagnosticata una rottura del tendine del bicipite e una sindrome del nervo interosseo posteriore. Una risonanza magnetica in seguito ha mostrato una rottura completa del tendine del bicipite. Dopo questa diagnosi ha ricevuto un’iniezione di cortisone con lidocaina per alleviare l’infiammazione. Ha sperimentato dolore in entrambe le braccia che si diffuse alle sue mani e che lo teneva sveglio la notte. Fu quindi indirizzato a un chirurgo della mano. Il chirurgo della mano diagnosticò la sindrome del gomito del tennista e del tunnel radiale e per la quale prescrisse la terapia di agopuntura. La decompressione del nervo sul nervo interosseo destro è stata eseguita dal chirurgo. Anche il tessuto cicatriziale è stato rimosso. Il chirurgo gli ha dato esercizi per fare post-op. Il caso risolto per $16,101. 02, che rappresenta 12.5% (29.375 settimane) perdita del suo braccio destro; 4% (9.40 settimane) perdita del suo braccio sinistro; $3,500. 00 in compensazione TTD contestato; e circa 2.347% (11.73 settimane) perdita di persona nel suo complesso. Ci siamo battuti per recuperare tutti i soldi necessari per pagare tutte le spese mediche e fare in modo che tutte le varie parti del corpo fossero compensate in modo equo, e non solo quelle primarie. – GW

L’uomo di 38 anni ha subito lesioni significative e permanenti alla mano destra sul lavoro quando è rimasto impigliato in una macina, lasciando una profonda lacerazione tra il pollice e l’indice. La valutazione iniziale al pronto soccorso è stata quella di una lacerazione complessa dell’aspetto dorsale del pollice destro e della prima tela con possibile lesione estensore pollicis brevis, lacerazione estensore pollicis longus, lesione del nervo sensoriale radiale e lesioni muscolari intrinseche. Il medico di emergenza ha completato un’irrigazione completa e la chiusura provvisoria della ferita e il giorno successivo ha subito un secondo intervento chirurgico. Il rapporto operativo ha rilevato numerosi tessuti e strutture che sono stati colpiti dalla lesione. Il nostro cliente ha avuto un periodo di tempo di immobilizzazione, mentre il nervo e tendine riparazioni tentato di prendere. In seguito, ha progredito a movimenti terapeutici fini e semplici delle sue dita, ed è stato poi rilasciato per tornare al lavoro su base sperimentale. Ha ancora problemi di flessione ed estensione al polso, al pollice e all’indice che influenzano negativamente la funzione della sua mano. Questo caso si stabilì per $31,281.98 che rappresenta circa il 30% di perdita della mano destra.

Un uomo di 51 anni ha subito tre diverse lesioni da traumi ripetitivi sul lavoro. Il suo primo infortunio è stato ad entrambi i polsi. Gli è stato diagnosticato il tunnel carpale e ha subito un rilascio del tunnel carpale su entrambi i polsi. Ha anche ricevuto iniezioni al dito medio sinistro. Il suo secondo infortunio è stato a entrambe le spalle per le quali ha ricevuto iniezioni senza sollievo dal dolore. Gli è stata diagnosticata la sindrome da impingement e una rottura parziale della cuffia dei rotatori sulla spalla sinistra e la patologia del tendine del bicipite e una rottura della cuffia dei rotatori sulla spalla destra. In primo luogo ha subito un intervento chirurgico alla spalla sinistra che comprendeva un’artroscopia della spalla sinistra; debridement di una cuffia dei rotatori parziale e glenoide lacrima labrale; e una decompressione aperta e borsectomia. Successivamente ha subito un’artroscopia della spalla destra; riparazione aperta con tenotomia del bicipite e successiva tendinesi; decompressione aperta e riparazione della cuffia dei rotatori. Il suo infortunio finale era del gomito destro. Ha subito una tenotomia percutanea guidata ad ultrasuoni del tendine estensore comune per questo, seguita da un regime regolare di cura e terapia conservativa. Questo caso è stato risolto per $81,000.00 che rappresenta il 15% PPD di ciascun polso, incluso un credito per un precedente regolamento di 7.5% sul polso destro e 5% sul polso sinistro; 17,5% del gomito/braccio destro, incluso un credito precedente del 3%; 10% di perdita del corpo nel suo complesso rispetto alla spalla destra e 15% di perdita del corpo nel suo complesso rispetto alla spalla sinistra.

La donna di 47 anni ha subito lesioni alle mani e ai polsi da traumi ripetitivi sul lavoro. Il suo medico inizialmente la trattò in modo conservativo con farmaci, rinforzo e terapia manuale auto-diretta. In seguito le è stata diagnosticata una sindrome del tunnel carpale destro e sinistro da lieve a moderata e alla fine è stata sottoposta a rilasci bilaterali del tunnel carpale. Lei è tornata al lavoro, ma il suo lavoro è mano intensiva e provoca il suo dolore. Questo caso si è risolto per $15,001.43, che rappresenta il 12,5% della mano destra/polso e il 12,5% della mano sinistra/polso.

– Vedi di più su: https://hassakislaw.wpengine.com/hand-wrist-injuries/#sthash.zQQxiWRk.dpuf

35 anno-vecchio maschio ha subito traumi ripetitivi ai polsi nel corso del suo impiego come operaio per un produttore di pneumatici. Diversi medici hanno diagnosticato al nostro cliente la sindrome del tunnel carpale bilaterale. Dopo il fallimento del trattamento conservativo, un chirurgo ha eseguito rilasci del tunnel carpale destro e sinistro. Il suo datore di lavoro ha rifiutato di pagare i pagamenti di invalidità totale temporanea mentre il nostro cliente è rimasto fuori dal lavoro. Il suo datore di lavoro ha contestato la natura e l’entità delle sue disabilità e le sue passate prestazioni di invalidità totali temporanee. La nostra azienda ha risolto il suo caso per $29,935.74, che rappresenta il 15% di invalidità parziale permanente nella mano sinistra, il 15% di invalidità parziale permanente nella mano destra e le prestazioni di invalidità totale temporanee non pagate. – JW.

Una donna di 48 anni si è ferita alla mano destra quando è scivolata ed è caduta mentre lavorava come infermiera.Il suo medico ha diagnosticato una frattura intra-articolare, sminuzzata con spostamento del quinto metacarpo nella mano destra. Il suo medico ha prescritto farmaci antidolorifici e ha raccomandato un intervento chirurgico. Un chirurgo ha eseguito una riduzione aperta del suo metacarpo fratturato. Successivamente, il suo medico ha raccomandato e il nostro cliente ha completato (18) sessioni di terapia. Il suo medico l’ha posta fuori dal lavoro per 4 settimane per il suo trattamento, durante il quale è stata pagata weekly 372.82 settimanalmente in assegni di invalidità totali temporanei. Il suo datore di lavoro ha contestato la natura e l’entità della sua disabilità e la responsabilità per qualsiasi trattamento medico futuro. Abbiamo ottenuto un accordo di settlement 12,500.00, che rappresenta l’invalidità parziale permanente del 20.6% della mano destra in base al suo modesto tasso di guadagno, così come tutte le spese mediche passate non pagate. – CN.

la donna di 25 anni ha subito traumi ripetitivi ai polsi sinistro e destro a causa del suo impiego come raccoglitrice di casi in una struttura di distribuzione. Ha subito interventi del tunnel carpale su entrambe le mani. Il nostro studio ha risolto il caso per $18.165.48 basato su 19% invalidità parziale permanente nel suo polso destro e 3% nel suo polso sinistro, nonostante il fatto che il suo caso sia stato pesantemente contestato per diversi mesi prima dell’insediamento. – LR.

Una donna di 71 anni si è ferita sul lavoro mentre trasportava i pazienti. Ha riportato ferite alla mano destra e al polso. Un medico ha stabilito che si è fratturata il raggio distale destro e ha raccomandato un intervento chirurgico per riparare questa frattura. Un chirurgo ortopedico ha eseguito una riduzione chiusa e la fusione del raggio distale destro e il nostro cliente ha completato la terapia postoperatoria. Rimase fuori dal lavoro per 9 settimane. Dopo che il datore di lavoro ha completamente negato di aver richiesto un trattamento per il suo infortunio, la nostra azienda si è assicurata il recupero per $15,393.45, che rappresenta il 25% di invalidità parziale permanente nella mano destra. – CG.

una donna di 45 anni ha riportato lesioni ripetitive alle mani e alle braccia dal suo lavoro come assemblatrice di pneumatici. Un medico le ha diagnosticato la sindrome del tunnel carpale bilaterale e ha eseguito un intervento chirurgico su entrambe le mani. Alla fine tornò al lavoro. La nostra azienda ha ottenuto un accordo di settlement 29,586.43 basato su un’invalidità parziale permanente del 17,5% in entrambe le mani. Questo accordo è stato realizzato solo dopo il concorso del datore di lavoro del caso per quanto riguarda la natura e l’entità delle sue lesioni. – IP.

una donna di 48 anni ha riportato ferite alle mani sinistra e destra, al pollice sinistro, al gomito sinistro e al collo durante il suo impiego come raccoglitrice di casi. Il suo medico le ha diagnosticato la sindrome del tunnel carpale bilaterale e un’ernia del disco a C4-5. Successivamente, ha subito una trapeziectomia del pollice sinistro, una trasposizione del nervo ulnare sinistro e una fusione del collo a C4-5. Il suo datore di lavoro ha sfidato la natura e l’entità della sua invalidità parziale permanente e la ragionevolezza e la necessità delle sue spese mediche. Il nostro studio ha ottenuto un accordo per $158,239.02 che rappresenta 30% invalidità parziale permanente del suo corpo, 20% nella sua mano destra, 17.5% nella sua mano sinistra, 25% nel suo braccio sinistro e 65% nel suo pollice sinistro. – SR.

La donna di 43 anni ha subito lesioni ripetitive ai polsi e ai gomiti durante il suo impiego dopo aver svolto lo stesso lavoro per circa 8 ½ anni. Le è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale in entrambi i polsi e la sindrome del tunnel cubitale in entrambi i gomiti. Ha subito rilasci del tunnel carpale endoscopico bilaterale su ciascun polso e rilasci del tunnel cubitale su ciascun gomito. Il caso è stato risolto dopo sostanziali negoziati con l’avvocato del convenuto per l’importo di $75,082.62, che rappresenta 20% invalidità parziale permanente nella sua mano destra 18% nella sua mano sinistra, 21.75% nel suo braccio sinistro e 23% inher braccio destro, e tutto al suo modesto salario medio settimanale di $438.11. Il datore di lavoro ha pagato tutte le spese mediche ragionevoli e necessarie.

a un operaio di 30 anni è stata diagnosticata una grave sindrome del tunnel carpale nella mano destra e una sindrome cronica del tunnel carpale sinistro. Ha subito un rilascio chirurgico del tunnel carpale destro e successivamente ha continuato a sperimentare un aumento del torpore nel pollice destro, nell’indice, nel medio e nella metà radiale dell’anulare. Inoltre ha notato un aumento del gonfiore, rigidità e dolore alla mano destra e al polso e ha cercato un secondo parere. Il suo nuovo medico ha trovato una grave neuropatia del nervo mediano destro. Inoltre, ci sono state gravi cicatrici e aderenze attorno al nervo mediano e un’estesa sinovite attorno ai tendini flessori a livello del tunnel carpale nel polso. Il medico ha eseguito un secondo rilascio del tunnel carpale destro che includeva la rimozione di tessuto cicatriziale e un innesto di nervo surale. Circa un anno dopo, il cliente ha eseguito un intervento chirurgico di rilascio del tunnel carpale sinistro. La società concreta contestato il suo caso per quanto riguarda la natura e l’entità della lesione, causalità medica e prestazioni di invalidità totali temporanee, tra le altre cose. Il nostro studio legale è stato in grado di raggiungere un accordo compromesso per il nostro cliente per un importo di $191,321.87, anche con il suo modesto salario medio settimanale di $401.38. Le spese mediche ragionevoli e necessarie del cliente sono state pagate per intero in aggiunta all’importo del regolamento.

una donna di 43 anni si è ferita mentre svolgeva compiti di lavoro ripetitivi. Le è stata diagnosticata una grave sindrome cronica del tunnel carpale destro e neuropatia ulnare destra al gomito. L’attore è stato inizialmente trattato con rinforzi e farmaci, ma è stato successivamente ferito due mesi dopo. Ancora una volta le sono stati somministrati farmaci e terapia fisica. Ha perso la maggior parte della forza nel suo braccio destro, e sperimenta dolore e intorpidimento su base regolare. Dopo che sono state presentate diverse offerte, il caso è stato risolto per $21,643.78 dato il modesto guadagno di questo lavoratore.

una lavoratrice di 58 anni è rimasta ferita a causa di un intenso lavoro.La ricorrente inizialmente lamentava dolore alla mano destra, al polso e al pollice a causa dell’applicazione della forza nel corso del suo lavoro e presunto aggravamento di alterazioni degenerative preesistenti e sviluppo della tenosinovite di Dequervain. La nostra cliente ha ricevuto prestazioni di invalidità totali temporanee per tutto il tempo in cui è rimasta fuori dal lavoro. In definitiva, la nostra azienda ha ottenuto un accordo di settlement 13,201.74, che rappresenta l’invalidità parziale permanente del 18.75% nella mano destra e il chilometraggio medico correlato e un accordo innocuo da parte della sua compagnia di assicurazione sanitaria.

una donna di 36 anni, operatrice di assemblaggio, ha riportato lesioni al polso sinistro e alla mano mentre testava i filtri per il suo datore di lavoro. Al richiedente è stata diagnosticata una tenosinovite persistente di De Quervain del primo compartimento dorsale del polso sinistro e atrofia cutanea e del tessuto sottocutaneo del lato radiale del polso sinistro a seguito di un’iniezione ricevuta.Inizialmente, è stata trattata in modo conservativo con iniezioni, splintaggio, restrizioni di lavoro e farmaci. Successivamente è stato eseguito un rilascio chirurgico della grave tenosinovite di De Quervain del primo compartimento dorsale del polso sinistro e si è osservata una grave atrofia. Lo studio di conduzione nervosa successivamente eseguito ha rivelato neuropatia radiale superficiale sinistra con caratteristiche demielinizzanti assonali e distali e evidenza di una neuropatia medica distale sinistra al polso. Ha subito un rilascio del tunnel carpale aperto a sinistra con resezione e seppellimento del nervo e osteotomia di estensione. Alla fine, la nostra azienda ha ottenuto un accordo di $21,447.81, che rappresenta la sua invalidità parziale permanente, le prestazioni mediche e il chilometraggio correlato dal punto di vista medico. – AH.

un operaio di 38 anni ha riportato lesioni al suo posto di lavoro a causa di traumi ripetitivi ad entrambe le mani. Firmatario è stato inizialmente trattato in modo conservativo con stecche di notte bilateralmente durante il sonno e farmaci. Dopo il fallimento del trattamento conservativo, è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale bilaterale recalcitrante e è stato raccomandato un intervento chirurgico di rilascio del tunnel carpale endoscopico ed eseguito sulla mano destra e sinistra. Ci siamo assicurati un accordo per $41,610.30, che rappresenta il 20% invalidità parziale permanente nelle sue mani destra e sinistra, contestato prestazioni di invalidità totale temporanea per un importo di $1,500.00 e prestazioni mediche non pagate, e abbiamo negoziato un accordo di attesa innocuo per qualsiasi grande compagnia di assicurazione medica. – TA.

il maschio di 34 anni è stato ferito a causa di traumi ripetitivi come operaio di fabbrica. Firmatario subito lesioni ripetitive ad entrambe le mani come il risultato dei suoi doveri di lavoro. Aveva svolto lo stesso lavoro per più di 5 anni che ha richiesto ripetitivo spingendo, tirando e raggiungendo con entrambe le mani e le braccia. Gli è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale bilaterale. Negoziamo un accordo per 32.646 dollari.00, che rappresenta 20% invalidità parziale permanente nella sua mano destra e 19.25% nella sua mano sinistra e prestazioni mediche eccezionali. Questo insediamento era quasi esattamente la nostra richiesta iniziale. – CS.

una donna di 41 anni è rimasta ferita mentre eseguiva movimenti ripetitivi nel corso del suo impiego. Firmataria era un ricevitore checker quando ha subito queste lesioni da trauma ripetitivo. La nostra azienda ha ottenuto un accordo di settlement 69,026.00 che rappresenta 22.5% invalidità parziale permanente nella mano destra, 20% nel braccio destro, 17% nella mano sinistra e 20% nel braccio sinistro e rimborso per chilometraggio correlato dal punto di vista medico. – EGLI.

operaio edile di 45 anni ferito ad entrambe le mani quando è caduto da un tetto durante il lavoro. Ha riportato fratture del radio distale bilaterale a mani e polsi. Questo lavoratore è tornato al suo stesso tipo di impiego, ma ha modificato l’esecuzione di alcune delle sue funzioni dopo che i polsi sono stati immediatamente splintati. Successivamente, un calco è stato posto su entrambi i polsi che immobilizzato i polsi. Il nostro studio ha risolto il suo caso per $16,300.00, che rappresenta 33% invalidità parziale permanente nella sua mano sinistra e 32.5% nella sua mano destra in base al suo tasso di salario onesto. – SA.

La lavoratrice di fabbrica di 59 anni, le sue mansioni di lavoro ripetitivo le hanno causato lo sviluppo di una lieve sindrome del tunnel carpale in entrambe le mani e nei polsi. È stata in grado di evitare l’intervento chirurgico e con notevoli sforzi tra il cliente e la nostra azienda, le sue mansioni lavorative sono state cambiate e ora sono molto meno impegnative fisicamente. Abbiamo negoziato un accordo per 14.000 dollari.00, che rappresentava il 10% di invalidità parziale permanente nella mano destra, il 9% nella mano sinistra e prestazioni mediche non retribuite, nonché un rimborso per il chilometraggio medico correlato. – BM.

una donna di 25 anni è rimasta ferita mentre lavorava come assemblatrice di produzione. Dopo che i test hanno mostrato segni positivi di Tinel bi-lateralmente, le è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale bi-laterale.Il trattamento conservativo costituito da splintaggio, farmaci, iniezioni e riposo non è riuscito a risolvere i suoi sintomi e, di conseguenza, ha subito rilasci del tunnel carpale destro e sinistro. La nostra azienda ha risolto il suo caso alla vigilia del processo per $29,820.77, che rappresenta 16.5% invalidità parziale permanente nella sua mano destra, 15% nella sua mano sinistra e 5% nel suo braccio sinistro con denaro aggiuntivo per chilometraggio medico correlato, prestazioni mediche non pagate e prestazioni temporanee di invalidità totale. – SG.

dipendente dedicato di 48 anni ha sviluppato il tunnel carpale destro e sinistro dopo aver svolto compiti di lavoro ripetitivi per più di 25 anni. I compiti del firmatario includevano il dumping di secchi d’acqua in una fossa di lavaggio delle parti e il travaso delle piastre posteriori in una tramoggia. Nonostante l “intervento chirurgico e iniezioni multiple, firmatario continua a soffrire di dolore alle nocche durante l” esecuzione delle sue funzioni di lavoro, e lei non ha presa con il pollice creando l ” incapacità di mantenere costantemente una presa su oggetti anche leggeri. Abbiamo negoziato un accordo per $18,100.00, che rappresenta 17.5% invalidità parziale permanente nella mano sinistra e 15% nella mano destra, più prestazioni mediche non pagate. – KM.

33 anni, lavoratore fast food è stato ferito durante il corso del suo impiego. Il suo lavoro ha comportato anni di sollevamento, insaccamento, pulizia e versando oggetti al ristorante. Ha subito lesioni alle mani, polsi e braccia da traumi ripetitivi a queste aree. Gli studi di conduzione nervosa sono stati eseguiti su entrambi i polsi e hanno rivelato una lieve neuropatia motoria mediana al polso destro, sindrome del tunnel carpale destro e evidenza di neuropatia motoria ulnare mid sensoriale al canale prossimale di Guyon bilateralmente. Le è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale bilaterale e successivamente è stata sottoposta a procedure di rilascio del tunnel carpale bilaterale per correggere i suoi problemi. Il nostro studio si e ‘assicurato un accordo per 22.002, 14 dollari, pari al 20% di invalidita’ paritale permanente nella mano destra, 18 anni.5% nella mano sinistra e 2% in ogni braccio, più le sue prestazioni mediche non retribuite. – CMH.

Una donna di 46 anni è rimasta ferita durante il lavoro come raccoglitrice di casi. Ha subito ripetitivo, lesioni traumatiche ai polsi e gomiti dopo anni di sollevamento, accatastamento e tirando oggetti pesanti. Le sono state diagnosticate sindromi bilaterali del tunnel carpale e del tunnel cubitale ed è stata raccomandata per la chirurgia. Il nostro cliente è stato sottoposto a tunnel cubitale sinistro e tunnel carpale rilasci, z-plasty slide ricostruzione, anconeus epitrochlea tenotomia e l’applicazione di una stecca lungo braccio. La procedura è stata successivamente ripetuta sul braccio sinistro e sulla mano. Era fuori dal lavoro per un totale di 19 settimane per le sue ferite, interventi chirurgici e il recupero durante lei tempo ha pagato prestazioni di invalidità totale temporanea. La nostra azienda ha ottenuto un accordo per $75,082.62, che rappresenta 20% invalidità parziale permanente nella sua mano destra, 18% nella sua mano sinistra, 21.75% nel suo braccio sinistro e 23% nel suo braccio destro, prestazioni mediche non pagate e un rimborso per muleage medico correlato. – ML.

Una donna di 60 anni è rimasta ferita durante il suo lavoro come raccoglitrice di casi divisi a causa di lesioni traumatiche ripetitive alle mani, ai gomiti e alle braccia. Le è stata diagnosticata una sindrome del tunnel cubitale bilaterale e del tunnel carpale. Inizialmente ha subito trattamenti di terapia fisica e indossava bretelle; però, queste misure di trattamento conservativo non alleviare i suoi problemi. Gli interventi chirurgici sono stati successivamente eseguiti nella natura del tunnel cubitale bilaterale e del tunnel carpale bilaterale. Abbiamo contribuito a garantire prestazioni di invalidità totale temporanea per il nostro cliente durante il suo tempo fuori dal lavoro, così come il pagamento delle sue spese mediche, nonostante sia stato ripetutamente negato dal vettore di assicurazione del datore di lavoro. Dopo 12 settimane di assenza dal lavoro, è stata in grado di tornare alle funzioni lavorative complete. La nostra azienda ha ottenuto un accordo di settlement 92,500.00, che era di circa $5,000.00 in più rispetto al convenuto precedentemente offerto, alla vigilia del processo. L’insediamento rappresentava il 17,5% di invalidità parziale permanente nella mano sinistra, il 20% nella mano destra, il 22,5% nel braccio sinistro e il 22% nel braccio destro. – kW.

41 year-old man ferito entrambe le mani da compiti di fabbricazione ripetitivi sul posto di lavoro. Gli è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale bilaterale ad entrambe le mani. Ha subito un intervento chirurgico prima sulla sua destra, e poi la sua mano sinistra per alleviare la sindrome del tunnel carpale bilaterale recalcitrante. Il nostro cliente era fuori dal lavoro per sette 7 mesi prima che fosse in grado di tornare al lavoro. Il suo datore di lavoro non avrebbe pagato le sue prestazioni di invalidità totali temporanee mentre era fuori dal lavoro e contestato la natura e l’entità delle sue lesioni. Alla fine, abbiamo negoziato un $41,610.30 insediamento, che rappresenta 20% invalidità parziale permanente nella sua mano destra e 20% nella sua mano sinistra, più il risarcimento per tutte le prestazioni di invalidità totali temporanee e prestazioni mediche. – TÈ.

a un uomo di 49 anni è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale bilaterale dopo anni di traumi ripetitivi alle mani e ai polsi. Aveva lavorato come imballatore di casi e, a causa dell’entità delle sue ferite, ha dovuto sottoporsi a interventi chirurgici di rilascio del tunnel carpale su entrambe le mani destra e sinistra. Il caso è stato risolto per $24.366.63 che rappresenta il 20% di invalidità parziale permanente nella mano destra e il 18% nella mano sinistra insieme alle prestazioni mediche passate e future e alle prestazioni di invalidità temporanea totali passate e future. – RMD.

La donna di 73 anni è stata ferita durante il suo lavoro da traumi ripetitivi alle mani destra e sinistra. Le è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale bilaterale, costringendola a rimanere fuori dal lavoro per essere trattata. Non sono stati necessari interventi chirurgici. Un accordo è stato raggiunto per $21,626.81, che rappresenta 10% invalidità parziale permanente nella sua mano sinistra e 12% nella sua mano destra. Inoltre, il datore di lavoro ha contribuito $18,116.00 a Medicare Mettere da parte per le sue future esigenze mediche legate al lavoro. – VW.

La mano di un uomo di 55 anni è stata lacerata al lavoro durante la posa del tubo. Al suo arrivo al pronto soccorso, è stato immediatamente trasferito in un centro specializzato per la chirurgia. La sua chirurgia consisteva di esplorazione, irrigazione, sbrigliamento della pelle e dei tessuti sottocutanei dell’indice sinistro, dell’anello medio e delle piccole dita, riparazione della puleggia A2 ricostruzione dell’indice sinistro, riparazione microchirurgica per il nervo digitale radiale e l’arteria del dito indice sinistro e riparazione dell’estensore digitorum communis di Zona 4 per il medio sinistro, l’anello sinistro e Sono state completate una riparazione di lacerazione dell’indice sinistro, del medio, dell’anello e delle piccole dita e è stata applicata una stecca del braccio corto. Dopo l’intervento, il nostro cliente è migliorato ma ha anche sviluppato la sindrome del dolore regionale, gonfiore alla mano e dolore continuato all’ulna distale. Ha subito terapia fisica e farmaci, e nonostante questi trattamenti, ha ancora sperimentato rigidità e gonfiore alla mano sinistra e al polso. La nostra azienda ha raggiunto un accordo per un importo di $38,000.00, che rappresenta il 30% invalidità parziale permanente nella sua mano sinistra, prestazioni di invalidità totali temporanee e un rimborso chilometraggio correlato dal punto di vista medico. MLE.

Una donna di 43 anni è rimasta ferita durante il lavoro durante il taglio e lo stoccaggio di scatole. A causa del forte dolore alla mano destra, è stata portata al pronto soccorso e messa in servizio con una sola mano. Le fu prescritta una terapia fisica e le fu ordinato di indossare stecche alle braccia durante la notte e il giorno. Il suo medico ha condotto un test nervoso, che ha mostrato i primi sintomi del tunnel carpale. Di conseguenza, la nostra cliente ha subito un intervento chirurgico di rilascio del tunnel carpale alla mano destra e, nonostante il suo recupero, ha perso forza e utilità nella sua mano. Il nostro studio si e ‘ assicurato un accordo per 14.167 dollari.31, che rappresenta 20% invalidità parziale permanente nella sua mano destra, prestazioni di invalidità totali temporanee e le sue prestazioni mediche.

una donna di 43 anni ha riportato lesioni traumatiche ripetitive alle mani e alla spalla destra durante il suo lavoro come operatrice di catene di montaggio. Le è stata diagnosticata la sindrome del tunnel carpale bilaterale e la tendinopatia della cuffia dei rotatori e l’impingement all’articolazione AC della spalla destra a causa di speroni ossei sulla clavicola distale. Ha subito un rilascio del tunnel carpale endoscopico destro e poi un rilascio del tunnel carpale endoscopico sinistro con un’escissione di una cisti gangliare del polso volare. Ha anche subito acromioplastica e clavicola distale escissione della spalla destra e dopo il recupero è stato rilasciato di nuovo al lavoro. Era fuori dal lavoro per circa 26 settimane. Il suo datore di lavoro ha contestato se ha subito lesioni al grado presunto e si è opposto a pagare prestazioni di invalidità totali temporanee e cure mediche. Il nostro studio si e ‘ assicurato un accordo per 52.500 dollari.00 che rappresenta il 20% di invalidità parziale permanente nella mano destra, il 20% nella mano sinistra e il 17,5% nel braccio destro, oltre a un rimborso chilometraggio correlato dal punto di vista medico e prestazioni mediche non pagate. – JG.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.