DEC2 modula l’espressione dell’orexina e regola il sonno

Risultati

Per esplorare il meccanismo alla base del fenotipo comportamentale della diminuzione del tempo di sonno nei portatori di mutazioni DEC2, abbiamo esaminato l’espressione di geni che regolano l’omeostasi del sonno in un modello murino della mutazione DEC2 umana. Abbiamo scoperto che l’espressione genica prepro-orexina (Hcrt) era up-regolata nell’ipotalamo dei topi transgenici hDEC2-P384R (Tg) rispetto ai topi HDEC2-WT Tg (Fig. 1 BIS). I mammiferi hanno due recettori per i peptidi dell’orexina, il recettore dell’orexina 1 (OX1R) e il recettore dell’orexina 2 (OX2R) (13). Nei topi mutanti hDEC2, anche l’espressione di OX2R è stata leggermente aumentata (Fig. 1 BIS). Per confermare l’up-regolazione dell’orexina a livello proteico, abbiamo analizzato la sua espressione nell’ipotalamo laterale al tempo zeitgeber 1 (ZT1) mediante immunoistochimica utilizzando un anticorpo che riconosce la proteina precursore dell’orexina e l’orexina Un peptide. Il numero di cellule orexina-positive è stato aumentato dalla mutazione P384R (Fig. 1 TER). Abbiamo anche generato topi hDEC2 BAC Tg etichettati con FLAG che ospitano la mutazione Y362H e abbiamo scoperto che questi topi mostravano un aumento dei livelli di prepro-orexina (Fig. S1A). I topi Tg che esprimevano Y362H-DEC2 o P384R-DEC2 mostravano una maggiore attività e una diminuzione del comportamento a riposo (Fig. S1B), simile a quanto mostrato in precedenza nei topi mutanti P384R (5).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.